www.meteoronciglione.net - Domenica 18 Novembre 2018 - 17.30: Peggioramento nelle prossime ore con piogge clima freddo, tipico invernale. Settimana generalmente perturbata.

Tu sei qui

"Paese che vai...Natale che trovi"

Siamo giunti all’ultima decade dell’ultimo mese dell’anno e, come al solito, alla tradizione vera e propria, quella religiosa, si accompagnano usi e ricorrenze non da meno.
Cambia solamente l’ultima cifra del millennio ma il resto sembra ripetersi ciclicamente.
Mi riferisco al tentativo di un’organizzazione perfetta, o quasi, a partire dalle pietanze e dai regali, fino alla scelta della giusta compagnia, della location, nonché della mise e, immancabilmente, dei film da guardare… Sceneggiati in cui ci rispecchiamo o che fanno sentire semplicemente più partecipi della gioia tipica del Natale; storie fatte di immagini in cui andiamo alla ricerca di quella neve che, io, a dire il vero, non ho mai avuto modo di gustare realmente in questo periodo dell’anno.
Tutto diviene un concentrato indissolubile di idee e comportamenti mossi dalla voglia di onorare la vita che ci è stata donata, mai, tuttavia, in modo banale, ma sempre con un tocco in più di originalità al fine di rendere “questa volta” più memorabile della precedente.
E se ciò è servito da “contorno” (senza mai sostituire la “portata” principale), allora perché no ai giochi di fantasia, alla creatività, che nulla hanno a che vedere con un portafoglio imbottito?
Ecco quindi qualche proposta classica ed alternativa per chi non ha avuto ancora la possibilità di concentrarsi sul menu da preparare e per chi, invece, ha deciso di apportare qualche variante al cibo, ma anche agli auguri!

Innanzitutto ho voluto pubblicare ciò che non dovrebbe mancare, tra una portata e l’altra, durante la cena del 24 dicembre per dar vita ad un menu tipicamente Laziale (ogni zona d’Italia, per chi non lo sapesse, ne ha uno con piatti o ricette differenti).

Primi:
zuppa di arzilla (razza chiodata) e broccoli

Secondi:
fritto misto di verdure e baccalà fritto

Dolci:
pampepato e ciambella di Natale

La cucina Laziale per il pranzo di Natale, invece, prevede un’ampia scelta tra cui…

Primi:
cappelletti in brodo

Secondi:
abbacchio alla romana, bolliti misti e tacchino ripieno di salsiccia e castagne

Contorni:
carciofi alla romana e patate al forno

Dolci:
pangiallo, zeppole e calcioni

Un’idea accattivante ed innovativa può essere quella di terminare, tra panettoni e torroncini vari, con una mousse speziata alla cioccolata di cui vi propongo la ricetta:

Ingredienti per 8 persone:
4 uova bio, 2 cucchiai di zucchero di canna, 1 cucchiaino di cannella in polvere, 200 gr di cioccolata fondente, 280 ml di panna fresca, gocce di cioccolato e lingue di gatto per guarnire.

Preparazione:
montate le chiare d’uovo a neve fermissima, aggiungere lo zucchero e la cannella e tenere da parte. Fate sciogliere a bagnomaria la cioccolata, aggiungete 60 ml di panna fresca e i tuorli dell’uovo e lavorate con la frusta fino a quando si saranno amalgamati alla cioccolata. Separatamente montate la restante panna ed aggiungetela alla cioccolata ed alla mistura di chiare, cannella e spezie facendo attenzione a non far smontare nulla. Versate la mousse nelle tazzine da caffé , passatele in frigo per circa 3 ore e servite con gocce di cioccolata e lingue di gatto.

Il nostro menu è al completo ma c’è ancora qualcosa da ricordare…

GLEDELIG JUL! (Olandese)

MALIGAVAN PASKO! (Filippino)

MELE KALIKIMAKA! (Hawaiano)

Fröhliche Weihnachten! (Tedesco)

Feliz Navidad! (Spagnolo)

E per tutti voi, molto più semplicemente e sentitamente:

BUON NATALE!!!

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer